Blog: http://astrodani.ilcannocchiale.it

Era ora..!

Ieri sera è stata la volta buona finalmente! Dopo quasi 10 giorni di cielo orribile ecco una bella serata da utilizzare per l’osservazione astronomica. Fra una nuvola e l’altra, m’è riuscito di fare una carrellata fra gli oggetti più significativi del cielo estivo.



La messa in stazione dello strumento è stata semplice e veloce mentre l’inseguimento da parte dei motorini era perfetto. L’unica pecca è che usando la pulsantiera prima che comincia il movimento passano un paio di secondi. Non so se sia normale o meno ma non è un gran problema almeno per adesso.

Il primo oggetto puntato e stata la galassia di Andromeda nota anche come M31 e come NGC 224; sigle che le derivano dalla collocazione rispettivamente nel catalogo di Messier e nel New General Catalogue of Nebulae and Clusters of Stars di Dreyer. Si tratta di una spirale tra le più luminose del cielo ma tuttavia è visibile a stento perché la sua luce, anziché essere raccolta in un minuscolo disco come è quella delle stelle, è diluita su una superficie apparente enorme, pari ad oltre 5 volte il disco della Luna. Attraverso il telescopio ho osservato il nucleo luminoso e lattiginoso e le due galassie satelliti. A ben vedere questa galassia può considerarsi speculare alla nostra: anch’essa è una grande spirale e anch’essa ha due galassie satelliti come noi abbiamo le Nubi di Magellano visibili nell’emisfero sud.


M31

Dopo M31 sono passato a M57, la famosa nebulosa ad anello nella costellazione della Lira. Messier la descrisse come un disco perfettamente delineato e grande quanto Giove, ma dalla luce "smorta e simile ad un pianeta evanescente". Herschel invece nel 1785 scriveva che la nebulosa era "tra le curiosità dei cieli...una nebulosa che ha una regolare, concentrica macchia oscura nel mezzo...ed é probabilmente un anello di stelle...". E’ uno degli oggetti più caratteristici del cielo estivo e non poteva sfuggirmi.


M57

Altro oggetto importante della serata è stato l’ammasso globulare M13 e poi molti altri. Tutti gli ammassi aperti nella costellazione del Sagittario, il Doppio Ammasso del Perseo e così via…


M13

Era da tempo che volevo fare una serata del genere: stare sotto un cielo sereno e puntare tutto ciò che mi viene in mente.

Pubblicato il 5/8/2005 alle 11.19 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web